venerdì 18 maggio 2012

Era d'estate / Annamaria

Dopo i recenti successi di "Io che amo solo te", "Se le cose stanno così" e "Viva Maddalena", alla fine del 1963 Sergio Endrigo fece uscire un altro 45 giri con due canzoni molto belle: "Era d'estate" e "Annamaria". Ottima la prima, scritta in collaborazione col paroliere Sergio Bardotti, possiede un fascino non comune, sia per il testo, che tratta di un amore intenso ormai consumato il cui pensiero suscita in chi ha vissuto quei momenti così passionali e rari, delle riflessioni amare sulla vita e sulle relazioni amorose; sia per la musica, di una melodia e di una piacevolezza non comuni; sia per l'interpretazione straordinaria di Endrigo: una voce che chiunque sappia apprezzare il bel canto e la poesia non potrà mai dimenticare. Pregevole è anche il brano del lato B del disco citato: "Annamaria", altra canzone che parla di un amore già finito. Anche qui il testo (che è di Endrigo) risulta essere molto poetico e la musica non è da meno.
 
 
RCA italiana - 1963
SERGIO ENDRIGO
Lato A: "Era d'estate" (S. Bardotti - S. Endrigo)
Lato B: "Annamaria" (S. Endrigo)
Direttore d'orchestra: Luis Enriquez Bacalov
 

ERA D'ESTATE
(S. Bardotti - S. Endrigo)

Era d'estate e tu eri con me,
era d'estate, poco tempo fa:
ora per ora noi vivevamo
giorni e notti felici, senza domani.
Era d'autunno e tu eri con me,
era d'autunno, poco tempo fa:
ora per ora, senza un sorriso
si spegneva l'estate negli occhi tuoi;
io ti guardavo e sognavo una vita
tutta con te,
ma i sogni belli
non si avverano mai.
Era d'estate e tu eri con me,
era d'estate, tanto tempo fa,
e sul tuo viso lacrime chiare
i dicevano solo addio...
Soltanto addio.
 

 
ANNAMARIA
(S. Endrigo)

Annamaria,
tu non vuoi ricordare
le nostre dolci sere
ed i baci che mi hai dato;
ora viviamo
in sogni separati
ma quel che è stato è stato,
non importa se è finita.
Annamaria,
sei passata nel mio cielo
come una rondine leggera
e l'inverno è già tornato
...ma senza te.
Annamaria
di te mi resterà
solo il tuo dolce nome,
il tuo nome:
Annamaria.

Nessun commento:

Posta un commento